La storia della Propoli

La Propoli è uno degli ingredienti dello Spray Gola di LAB7. La scegliamo con cura ed è al 100% sarda e italiana.

Si tratta di una sostanza di origine vegetale resinosa che le api raccolgono dalla corteccia e dalle gemme delle piante. Una volta raccolta, le api la elaborano con cera, polline ed enzimi prodotti da loro stesse. Oggi viene usata anche per le sue capacità antisettiche e anti-infiammatorie.

Da dove proviene la Propoli? 

L’origine della Propoli è stata a lungo sconosciuta. Ci sono anche oggi diverse teorie.

La più accreditata è quella formulata da Rosch dopo l’osservazione delle api che raccoglievano le resine degli alberi per poi elaborarla.

Meno accreditata e non dimostrata la teoria che ipotizza un’origine della Propoli all’interno dell’alveare.

Per molto tempo si è creduto che fosse un prodotto secreto dalle stesse api, ma oggi si crede che sia una sostanza raccolta esternamente e poi elaborata dalle api.

Da dove nasce l’utilizzo della Propoli? 

L’utilizzo della Propoli risale all’Antichità. Basti pensare all’origine del nome che deriva dal greco, letteralmente “davanti alla città”: “Pro” significa “davanti” e “poli” (polis) “città”. Un significato figurato che può essere inteso in “difensore della città”. Un termine utilizzato da Aristotele e Plinio il Vecchio per descrivere la resina trattata dalle api che la utilizzavano per difendere l’alveare (la città delle api).

Prima dei Greci, però, la Propoli era stata utilizzata già degli Egizi e in particolare dai loro sacerdoti per la mummificazione. I Greci la raccoglievano invece per uso esterno e per cicatrizzare ferite e piaghe. Una tecnica poi copiata anche dai Romani.

In America, furono gli Incas ad impiegare la Propoli per curare affezioni febbrili. In Europa e in particolare in Russia, invece, per curare carie e infiammazioni del cavo orale già nel XII secolo.

Fino al XVIII secolo l’utilizzo della Propoli era ormai diventato diffuso nella medicina europea per la cura di infiammazioni respiratorie, emorroidi, piaghe, ustioni vesciche, calli, punture di insetto e altre ferite. Poi cadde in disuso.

La ri-scoperta della Propoli e le sue proprietà

La Propoli venne riscoperta soprattutto grazie alla tradizione che si mantenne viva nei Paesi dell’est Europa come nell’ex Unione Sovietica.

In Italia solo negli ultimi anni si sono riscoperte le straordinarie capacità di questa sostanza. Prima veniva addirittura vista come un intralcio per la visita all’alveare. Oggi invece è al centro di ricerche per le sue proprietà e l’utilizzo è in costante progresso.

Può essere impiegata o da sola o associata ad altre sostanze, per esempio con l’Aloe Vera come facciamo nei laboratori di LAB7.

Sono riconosciute alla Propoli proprietà antibatteriche, antisettiche, cicatrizzanti e antinfiammatorie. È utile anche contro virus influenzali e virus delle piante.

Prodotti a base di Aloe, Spirulina e Propoli

entra nel nostro shop online per acquistarli

Hai domande o curiosità?

Contattaci
ti risponderemo il prima possibile

Contatti